Milano e San Giuliano Milanese

Itinerario giottesco

Fra i momenti di svolta che nel corso del Trecento determinarono il progressivo cambiamento degli schemi espressivi e tecnici della tradizione pittorica locale, il più importante è sicuramente legato alla presenza e all’azione di Giotto, chiamato a Milano pochi anni prima della sua morte dal signore della città Azzone Visconti per lavorare al ciclo, oggi perduto, del proprio palazzo che è ‘l’antenato’ dell’odierno Palazzo Reale, risultato, questo, di varie fasi di rifacimenti e ricostruzioni culminate infine in quella di Giuseppe Piermarini. La lezione di Giotto aggiorna e innova radicalmente la cultura figurativa lombarda che, nel quindicennio che va dalla sua venuta a Milano (1335-1336 circa) al 1349, data dell'affresco dell’ultima campata della navata centrale dell'abbazia di Viboldone, raggiunge uno dei momenti più alti del secolo XIV e dell'intera pittura italiana per qualità e intensità.

Testi e immagini a cura del Polo Museale della Lombardia

0 0
Loading...

ArtPlanner

Apri con ArtPlanner »

Gli altri itinerari giotteschi


Padova

Scopri »

Bologna e Rimini

Scopri »

Firenze e Settignano

Scopri »

Assisi e Perugia

Scopri »

Napoli e Teano

Scopri »

Scopri i luoghi dell'itinerario


Abbazia di Chiaravalle

Abbazia di Chiaravalle

Milano - MI


Audioguida Disponibile


Scopri »

Abbazia di Viboldone

Abbazia di Viboldone

San Giuliano Milanese - MI


Audioguida Disponibile


Scopri »

San Gottardo a Corte

San Gottardo a Corte

Milano - MI


Audioguida Disponibile


Scopri »


top

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i cookie.
Accetti che CoopCulture personalizzi la vostra esperienza su ArtPlanner per migliorare la funzionalità e le prestazioni del sito?
Vengono inoltre raccolte informazioni statistiche anonime.